Io le canto così.


Alessio Copino

Il sogno di un emergente cantautore romano, che ha scelto la via della musica  per parlare di ciò che scrive, e non solo…


Nato a Roma nel Settembre 1989.  Alessio si appassiona alla musica dall’età di otto anni, viaggiando tra canto e pianoforte; è a soli dieci anni che iniziano ad arrivare i primi successi.. Viene scelto come voce solista del progetto discografico dedicato al centenario della S.S.Lazio 1900, contemporaneamente viene presentato allo Stadio Olimpico e al Palalottomatica.


(per saperne di più ) 

Alessio è un cantautore che scrive da se testi dal sapore quotidiano,  e questo è il suo progetto a lungo termine, per far emozionare le persone attraverso le sue parole e la sua musica.


Da quando è iniziata la tua carriera artistica, e quando hai iniziato a scrivere?

Ho iniziato circa all’età di 19 anni. Inizialmente un direttore artistico seguiva sia testo che musica, io canto da sempre. Ultimamente però cerco di essere più autonomo, soprattutto a partire dagli ultimi sei, sette anni a questa parte in cui ho avvertito in crescendo una certa maturità artistica.

Come nascono le tue canzoni e a cosa ti ispiri?

Molto spesso mi lascio ispirare dalle situazioni e dalle circostanze che vivo nel quotidiano. Ad esempio una storia d’amore, una forte amicizia, i legami a lungo termine.. per lo più sono le emozioni forti che riempiono i miei giorni. La scrittura è il mio rifugio. Sono del parere che sia qualcosa di molto personale per cui possiamo essere o meno portati, non ci sono tecniche particolari che ti impostino a questo.

Io canto ciò che sono, e ciò come ho già detto dipende dalle situazioni, da momenti vissuti. Io vivo di emozioni.

Quindi anche da storie?

Si, Anche da storie, certo. Da incontri, ad esempio. Ma non è sempre così, mi lascio influenzare anche dalle mie fantasie, da sogni, come il pezzo dimmi chi sei, che scrissi qualche tempo fa. Una vera canzone nasce nel momento in cui l’ispirazione ti viene a cercare.

E per te cos’è l’ispirazione ?

Una sensazione liberatoria, catartica e improvvisa che nasce da dentro ma è la vita che ti porta a scrivere.

Il tuo ultimo testo di cosa parla?

Beh, di una storia vera, come tutte le cose di cui sono abituato a parlare. E’ molto personale. Per la precisione, si concentra su di un amore che avrei voluto non mi avesse mai lasciato, quindi c’è tutta la paura e la tenerezza di perdere la metà in questione e sfrutto la canzone per comunicare tutto ciò che provavo in quel momento.

03

Dalla pagina di Alessio 

Qual’è il tuo obiettivo a lungo termine?

Sicuramente di riuscire a portare avanti la passione per la musica in ambito professionale, ma soprattutto per far emozionare il pubblico con le mie canzoni.

 Hai mai partecipato a contest o festival dedicati a giovani emergenti? Ti sono stati utili?

Ho partecipato a diversi talent in realtà. Ad esempio ho provato sia per sei anni ad entrare nella scuola di Amici, arrivando tra i primi cento, in cui ricordo c’erano moltissimi altri artisti di vario genere, sia ho partecipato ai casting di The Voice, riscuotendo un buon successo. Poi sono stato ai Raccomandati nel 2008, con Barbara de Rossi, una bellissima esperienza. Tutto questo posso dire che mi è servito semplicemente a conoscere ambienti nuovi, nuovi personaggi, nuovi autori…

Secondo te è più semplice farsi notare sul web oppure è proprio necessario affidarsi ad un etichetta?

L’etichetta tende ad orientarsi agli artisti di fama. Perciò credo che il web sia la via più facile,soprattutto per noi emergenti.

Attualmente si è sviluppato all’interno dei canali social un modo piuttosto facile e direi veloce di autopromozione del proprio contenuto artistico. Quanto sfrutti questi canali di comunicazione e soprattutto quali sono quelli che ritieni più efficienti?

Personalmente per farmi pubblicità prediligo facebook e youtube. Sono quelli più facili, immediati e di uso comune. E li uso anche spesso. Per questo penso che il web sia diventato uno strumento fondamentale per chi come me fa questo mestiere, e ultimamente ho constatato che può dare la possibilità di entrare in contatto con produttori, persone importanti inserite nel panorama musicale.

did.jpg

Concludo, voglio chiederti secondo te…
che cos’è una canzone? Cosa è in grado di dare rispetto ad un testo scritto, come ad esempio può essere una poesia?

Una canzone è un pò il riassunto di ciò che accade nella vita.  Credo che a differenza della poesia, nella canzone la musica sia importante, perché aiuta a generare il contesto in cui si crea la dimensione delle parole, quindi a creare l’atmosfera di cornice alle emozioni, che nel testo scritto crei tu.

Alessio Copino, fonti
fb-128

Testi e foto a cura di
Giada Semeraro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...